Documenti necessari alla ricerca del lavoro

Per cercare un lavoro in Italia è bene essere muniti di alcuni documenti che servono al momento della firma del contratto di lavoro.

Riportiamo di seguito alcune istruzioni che speriamo possano esservi utili.

Come prima cosa è opportuno controllare la validità dei documenti di identità.

Per i cittadini italiani il documento al quale si fa riferimento è la carta d’identità, solitamente rilasciata dagli Uffici Anagrafe del proprio Comune di residenza.

Per i cittadini comunitari invece, per quello che riguarda il lavoro stagionale, l’assunzione è ammessa con le medesime procedure previste per i lavoratori italiani, senza necessità di stipulare il contratto di soggiorno.
Il lavoratore che si trovi a soggiornare in Italia per un periodo superiore ai tre mesi dovrà richiedere l’iscrizione anagrafica presso il Comune dove ha intenzione di stabilirsi.

Per i cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, è necessario essere provvisti di regolare carta o permesso di soggiorno, anche in fase di rinnovo, per procedere poi alla stipula del contratto di soggiorno che deve essere sottoscritto dal datore di lavoro.

Un altro documento necessario ai fini identificativi è il codice fiscale.

Questo rappresenta lo strumento di identificazione del cittadino nei rapporti con gli enti e le amministrazioni pubbliche.

L’unico valido è quello rilasciato dall’Agenzia delle Entrate, che viene attribuito tramite richiesta telematica, da parte degli stranieri, presso gli Sportelli Unici per l’Immigrazione (SUI) e dalle questure.

I cittadini ancora sprovvisti del codice fiscale possono presentarsi all’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate con un documento di riconoscimento (occorre passaporto o permesso di soggiorno).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*